u n i g e . i t - Informatica a Genova

Corsi di Laurea in Informatica - Computer Science Degrees

DIBRIS - Valle Puggia

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Prove finali (tesi di Laurea) LM-18

E-mail Stampa PDF

La laurea magistrale in Informatica si consegue dopo aver sostenuto una prova finale (alias esame di Laurea Magistrale) al termine della quale il candidato è proclamato Dottore Magistrale in Informatica. La tesi di laurea vale 30 CFU, che in media corrispondono a un impegno di lavoro pari a 8 ore al giorno per 93 giorni e può essere redatta in italiano o in inglese.

Visualizza il regolamento per la prova finale.

Visualizza le date delle sessioni di laurea.

Visualizza le scadenze da rispettare per la laurea.

 

Conoscenza della lingua inglese

Per poter sostenere l'esame di laurea gli studenti dovranno dimostrare di aver raggiunto un livello di conoscenza della lingua inglese non inferiore al livello B2 del quadro comune europeo.

Questo vincolo viene usualmente soddisfatto mediante la presentazione di un certificato rilasciato dall’UCLES (University of Cambridge Local Examinations Syndicate), il First (FCE) o superiore (Advanced (CAE) o Proficiency (CPE)), su cui è esplicitamente riportata la valutazione anche in termini della scala richiesta dal quadro comune europeo.

È possibile anche presentare certificati rilasciati da altri enti, purché anch’essi riportino esplicitamente il livello conseguito rispetto al quadro comune europeo o siano corredati da una dichiarazione sottoscritta dall’ente certificatore che garantisca che il livello conseguito è non inferiore al B2 nella scala CEFR.

Per gli immatricolati a partire dall’anno accademico 2014/15 è anche possibile dimostrare le proprie conoscenze linguistiche svolgendo la tesi e sostenendo la discussione finale in inglese. Qualora, però, la conoscenza della lingua dimostrata fosse inferiore al livello richiesto, l’esame di laurea sarà valutato insufficiente e dovrà essere ripetuto.

Calcolo del voto finale  (regole valide per gli studenti iscritti per la prima volta al CdS entro l'a.a. 2013/14)

Il voto finale e' calcolato sulla base dei CFU conseguiti durante il corso di studi (di norma 120 meno i 30 della tesi) e del punteggio attribuito alla tesi di laurea.

Il voto finale viene attribuito di norma mediante i seguenti criteri:

  1. Si calcola un punteggio base come media dei voti dei singoli esami, pesati sui crediti. In tale calcolo il voto 30 e lode viene valutato 33.
  2. A questo punteggio base, convertito in centodecimi, si aggiungono da 1 a 8 punti di valutazione della tesi di laurea. E' possibile che il relatore proponga un incremento superiore ai 8 punti; in tal caso, pero', diventa necessaria l'unanimita' della commissione di laurea.
  3. Se la laurea viene conseguita entro luglio del secondo anno di corso si applica un incremento ("premio velocita'") di 2 punti, che scendono a 1 punto se invece la laurea viene conseguita entro ottobre, sempre del secondo anno di corso; ai fini di tale calcolo, gli anni di iscrizione a tempo parziale contano meta'.
  4. Se il punteggio ottenuto e' maggiore o uguale a 112/110, la commissione di laurea puo' decidere di assegnare la lode.  In ogni caso il voto finale non puo' eccedere 110/110.

La commissione di laurea e' comunque sovrana e libera di adottare caso per caso criteri anche diversi da quelli indicati.

Calcolo del voto finale  (regole valide per gli studenti iscritti per la prima volta al CdS a partire dall'a.a. 2014/15)

Il voto finale e' calcolato sulla base dei CFU conseguiti durante il corso di studi (di norma 120 meno i 30 della tesi) e del punteggio attribuito alla tesi di laurea.

Il voto finale viene attribuito di norma mediante i seguenti criteri:

  1. Si calcola un punteggio base come media dei voti dei singoli esami, pesati sui crediti. In tale calcolo il voto 30 e lode viene valutato 33.
  2. A questo punteggio base, convertito in centodecimi, si aggiungono da 1 a 8 punti di valutazione della tesi di laurea. E' possibile che il relatore proponga un incremento superiore ai 8 punti; in tal caso, pero', diventa necessaria l'unanimita' della commissione di laurea.
  3. Se la laurea viene conseguita entro il secondo anno della coorte di riferimento, si applica un incremento ("premio velocita'") di 2 punti, che scendono a 1 punto se invece la laurea viene conseguita entro ottobre, sempre del secondo anno di corso della coorte di riferimento.
  4. Se il punteggio ottenuto e' maggiore o uguale a 112/110, la commissione di laurea puo' decidere di assegnare la lode.  In ogni caso il voto finale non puo' eccedere 110/110.

La commissione di laurea e' comunque sovrana e libera di adottare caso per caso criteri anche diversi da quelli indicati.